BIOGRAPHY

Paola Falconi, from Cagliari, after studying classics in high school, graduated in Sculpture at the Carrara Academy in Tuscany.

After her studies, she returns to her city, focusing her research on the languages ​​of sculpture, painting and drawing.

The works of PF, in this period, find space in various regional exhibitions and are used to enrich the environments of some retail shops.

From 1996 until 2014, the artist interrupted the public exhibition activity continuing his work in the studio inspired by the beauty of nature and his beloved family.

Today her works are present in various private collections in Italy and abroad. They have been exhibited at Le Dame Art Gallery in London, in AB Gallery in Cagliari and Villasimius, at Art-Rooms Rome and in Porto Cervo at The Nature Art Gallery.

In 2019 PF presents to the public “Cradle of Incivility”, a nomadic artistic project born following the tragic consequences of a violent flood in southern Sardinia, near where she lives. The project aims to draw attention to human behavior and the impact they have on nature and climate change. In 2020 “Cradle of Incivility” was re-proposed on the island of Santa Maria and in 2022 in Villasimius.


STATEMENT

My work recently focuses on the concept of care: self-care, care of people, especially the new generations, and care of the environment. There is a great urgency, in a world where we are incessantly bombarded by thousands of stimuli of all kinds, to find a space of silence, where to search and find oneself. I am thinking of adults, but also of children, adolescents, and young people in general. If thanks to this inner work we improve as human beings, the desire to collaborate can arise for the achievement of the good of all: material and spiritual.

Closely connected to this idea is the urgent need to take care of the environment that surrounds us, the sea, the air, the soil, and what we are leaving to the new generations. I reflect on the importance of recovery, recycling, and the need to reduce consumption, to give hope to the planet, our home, because, borrowing the words of Jane Goodall: “helping people, animals and the planet, is closely linked to the ancient thought of many indigenous communities: that we are all one.”

 

I use Carrara marble. I like its crystals that sparkle in the sun and the veins that come out in unexpected shapes while polishing. I like to work, whenever possible, with reclaimed stone cuts because I don’t consider waste a wonderful stone that has been on earth for 190 million years. And I like the concept that you can’t waste such a noble material in a consumerist way. The softness of the shapes is a choice made to express silence, harmony, and calm. Land Art is a great passion of mine because when you work in nature, also putting natural elements into your works, you feel a strong bond with the soil, water, and air.

INTERVIEW
Talking with Paola Falconi about her art

Why do you make your art?

It’s a need! It’s something I have to do! If I don’t make my works, life doesn’t smile at me and I feel myself incomplete. It’s an inner and huge need, it’s important like breathing.

“Do you notice any difference between the reason why you started to produce art and the reason that is now motivating you?

At first it was mostly a need to express feelings and emotions which where inside me and I wanted to transfer to the canvas and sculptures. I let myself go a lot making my works to satisfy this need for externalization.
Now, in addition to the desire to express myself in art, there is also the desire to convey a message to those who see my works. This is always a positive message of hope and beauty that makes you feel better. Even when my works deal with negative arguments, when they speak of our dark side, sadness or anger, I always insert a small window that shows a light. I want to believe there is a message of positivity, an opportunity for rebirth and overcome the negativity.

What does inspire you to make art?

What most charms me and makes me want to make art is Nature. Nature is my infinite love. All of Nature – animals, plants, the sky, the colors, the stones – astounds and excites me.
Another huge source of inspiration are my children. Absolutely. I love their world, the world of children and young people. For example, I’ve always been fascinated by the illustrations of fairy tales’ books, they enchant me and carry me on dreaming.

Among my sources of inspiration there are also several artists such as Georgia O’Keeffe, Frida Kahlo, Maria Lai, Kan Yasuda, Brancusi and Nivola. But I want to talk about the women, about these extraordinary women artists. Georgia O’Keeffe inspired me for her extraordinary relationship with Nature and the leading role that she gives to that in her work. I find myself very much in the O ‘Keeffe’s desire of seeking moments of solitude, during which contemplate the beauty of Nature. She was convinced that only what Nature showed was true art, compared to many other things she saw around her made by artists. Georgia O’Keeffe definitely inspires me, also, for the color, the lights and the composition of her paintings. About composition she was influenced a lot by Arthur Dow. In particular, Dow’s book “Composition: A Series of Exercises in Art Structure for the Use of Students and Teachers” (1912) is for me a source of study and reference. In fact, I find it is still very valid and topical. Frida Kahlo inspires me a lot for the sincerity in representing herself and for the way she used to show herself without filters, as well as for the enormous courage in treating all women’s issues, such as maternity. This is not a man who speaks about women, but a woman who speaks about herself, with honesty and courage.

Another great women artist I refer to is Maria Lai, mainly for her ability to preserve, even at the top of his fame, a precious child candor, a spontaneity in producing her works and an ability to create masterpieces with the same curious spirit and fun of a child who plays with her toys.

In your opinion, is there a trait common to all these great artists?

Yes, it is probably the fact that they have been successful in a world with a strong masculine connotation, where women were few and oppressed. Just think about the absurd accusations, made to Georgia O’Keeffe regarding alleged sexual content in the representation of her floral subjects. She had awful criticism. Even Frida Kahlo and Maria Lai have established their art career in a world of men. I am not interested to the label of “feminist” artist, but it concerns me very much that women have the role they deserve, even in art.

What does it mean to you to make art?

Life! Art is an essential part of me, it’s me! Art is the tool through which I communicate with the most precious part of myself and make public a positive message that will help making this world a better place.
While realizing my works there is always a rational opening that answers to the need of giving importance to the composition. I am, in fact, convinced that through the care of the composition you will be able to better communicate your message. Our brain recognizes certain orders and when you make a good picture, you communicate a balance and a recognizable beauty. After this rational opening, I let myself go to my channels, mainly to the color and nature, even in its chaos, because Nature is orderly chaos at the service of beauty. Then I let myself go and enjoy it, I work a lot on the design …

My goal is to reach an expressiveness spontaneous and free from brakes and reticence.

What is unique or special about how you make your works?

The fact of not having attended art school to high school, had put me in the position to learn the techniques of painting directly from the artists who had been my mentors. I believe that this was my greatest fortune which is reflected in a marked expressive freedom. This freedom is something that I preserve with joy, because it provides spontaneity to my works.

Between sculpture and painting, what language do you feel more effective to communicate your artistic message?

They are equivalent. Sculpture is the language which I started with. It was also the subject of my academic studies. It was an instinctive choice I’ve never regretted. Although I now feel much more attracted by the drawing and painting as a means of expression, sculpture continues to be present in the search for three-dimensionality that often finds place in my paintings and graphic works.


EXHIBITIONS

April 2024, “Polvere della Memoria”, Collective Exhibition, Castia Art Montevecchio-Guspini (IT)

December 2023, “Mediterraneo” Collective Exhibition, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

May 2023, “Dentes” Collective Exhibition, Padua (IT)

April 2023, “Dentes” Collective Exhibition, Milan (IT)

December 2022, Collective Exhibition, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

August 2022, “Cradle of Incivility” for “We are the environment” , Castia Art – Villasimius (IT)

December 2021, Collective Exhibition, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

July 2021, Collective Exhibition, Le quai des artistes, Porto Rotondo (IT)

December 2020, Collective Exhibition, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

July 2020, “Cradle of Incivility”, Installation and Performance, Santa Maria Island – La Maddalena (IT)

December 2019, Collective Exhibition, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

June 2019, “Cradle of Incivility”, Pop Up Personal Exhibition, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

August 2018, Collective Exhibition, The Nature Art Gallery, Porto Cervo (IT)

March 2018, Collective Exhibition, ArtRooms Fair, Roma (IT)

December 2017, Collective Exhibition, AB Gallery, Cagliari (IT)

August 2017, Collective Exhibition, AB Gallery, Villasimius (IT)

 

July 2017, Personal Exhibition, Art Backers Gallery, Cagliari (IT)

January 2017, Collective Exhibition, Galleria Merlino, Firenze (IT)

November 2015 – January 2016, Collective Exhibition, Le Dame Art Gallery, London (UK)

July 1998 “Salon de Juliett”, Collective Exhibition, La Bacheca Art Gallery, Cagliari (IT)

June 1995 “Arredarte Marino Cao”, Collective Exhibition inside an Interior Design Shop, Cagliari (IT)

June 1994 and June 1995 “Arte in Città””, Collective Exhibition in piazza Yenne, Cagliari (IT)

January 1994 and December 1994 “Arte in Città” Collective Exhibition, Cagliari (IT)

 

PUBBLICATIONS

2017 Katyuscia Carta, “Paola Falconi”, Art Bakers Editore, Cagliari (IT)

1995 Luciano Caramel – Salvatore Naitza, “Catalogo C. NIVOLA, Premio di Scultura”

 

 

NOTE BIOGRAFICHE

Paola Falconi, cagliaritana, si diploma al Liceo Classico e successivamente all’Artistico per poi laurearsi in Scultura all’Accademia di Carrara

Dopo gli studi rientra nella sua città, incentrando la propria ricerca sui linguaggi della scultura, della pittura e del disegno.

Le opere di PF, in questo periodo, trovano spazio in diverse mostre regionali e vengono utilizzate per arricchire gli ambienti di alcuni esercizi commerciali.

Dal 1996 fino al 2014, l’artista interrompe l’attività espositiva pubblica proseguendo il lavoro in studio ispirata dalla bellezza della natura e dalla sua adorata famiglia.

Oggi le sue opere sono presenti in diverse collezioni private in Italia e all’estero. Sono state esposte presso Le Dame Art Gallery a Londra, in AB Gallery a Cagliari e Villasimius, ad Art-Rooms Roma e a Porto Cervo presso The Nature Art Gallery.

Nel 2019 PF presenta al pubblico “Culla d’Inciviltà”, un progetto artistico itinerante nato in seguito alle tragiche conseguenze di una violenta alluvione nel sud Sardegna, vicino a dove lei abita. Il progetto si propone di richiamare l’attenzione sui comportamenti umani e sull’impatto che essi hanno sulla natura e sui cambiamenti climatici. Nel 2020 “Culla d’inciviltà” è stato riproposto sull’isola di Santa Maria in Sardegna e nel 2022 nell’area marina protetta di Villasimius.

STATEMENT

Il mio lavoro attualmente si concentra sul concetto di cura: cura di sé, cura delle persone, in particolare delle nuove generazioni, e cura dell’ambiente. C’è una grande urgenza, in un mondo dove siamo incessantemente bombardati da migliaia di stimoli di ogni genere, di trovare uno spazio di silenzio, dove cercare e ritrovare noi stessi. Ciò riguarda gli adulti, ma anche i bambini e i giovani. Se, grazie a questa riflessione interiore, miglioriamo come esseri umani, può nascere un forte desiderio di collaborare e portare al raggiungimento del bene più grande per tutti: materiale e spirituale.

Strettamente connessa a questa idea è la pressante necessità di prendersi cura dell’ambiente che ci circonda: il mare, l’aria, la terra, e ciò che stiamo lasciando alle nuove generazioni. La mia riflessione principale è sull’importanza del recupero, del riciclo, e sulla necessità di ridurre i consumi, per dare speranza al pianeta, che è la nostra casa. Come ha detto Jane Goodall: “Aiutare le persone, gli animali e il pianeta è strettamente legato all’antico pensiero di molte comunità indigene: che siamo tutti una cosa sola”.

 Uso il marmo di Carrara. Mi piacciono i suoi cristalli che brillano al sole e le venature che si fanno evidenti in forme inaspettate mentre levigo la pietra. La morbidezza delle forme è una scelta che faccio per esprimere silenzio, armonia e calma. Quando possibile, mi piace lavorare con tagli di pietra di scarto perché, per me, una pietra meravigliosa che è sulla terra da 190 milioni di anni non può essere considerata un rifiuto da smaltire. È un concetto consumistico quello di buttare via un materiale così nobile.

Il legame con la natura si rafforza con la Land Art, per me grande passione e ambito di ricerca. Quando includi elementi naturali nelle tue opere, senti un forte legame con il suolo, l’acqua e l’aria: tutto inizia e finisce con gli elementi naturali e dobbiamo avere per loro il massimo rispetto e cura, come faccio io con la mia arte.


INTERVISTA
Parlando con Paola Falconi della sua arte

Qual’è la ragione del suo fare arte? Che cosa la spinge a produrre le sue opere?

E’ un’esigenza! E’ qualcosa che devi fare, che io devo fare! Se non lo faccio, mi sento incompleta. Se non disegno o dipingo o faccio scultura, la vita non mi sorride. Si tratta di un’esigenza interiore enorme, infinita, come respirare.

Lei nota una differenza tra il motivo per cui ha iniziato a produrre arte e il motivo che ora la spinge a farlo?

Inizialmente era per lo più un’esigenza di esprimere dei sentimenti, delle emozioni che avevo dentro e sentivo la necessità di trasferire sulla tela e nelle sculture. Mi buttavo sui lavori, mi buttavo molto per soddisfare questo bisogno di esternazione.

Adesso, oltre a ciò, oltre alla volontà di esprimere me stessa – le emozioni, i sentimenti e le oscurità – nell’arte, c’è anche il desiderio di lanciare un messaggio a chi guarda le mie opere. Si tratta sempre di un messaggio positivo, di speranza, di bellezza che guarisce. Anche quando le mie opere trattano argomenti negativi, quando parlano del nostro lato oscuro, di tristezza, di rabbia o dei sentimenti che definiamo negativi, io inserisco sempre una piccola finestra che fa vedere una luce. Voglio che ci sia un messaggio di positività, un’opportunità di rinascita e superamento della negatività.

In un’ottica di percorso compiuto, quali sono state e quali sono ora le sue fonti d’ispirazione?

Ciò che più mi incanta e mi fa venire voglia di fare arte è la Natura. La Natura è il mio amore infinito. Tutto della Natura – gli animali, le piante, i cieli, i colori, le pietre – mi sbalordisce ed emoziona. Un’altra enorme fonte d’ispirazione sono i miei figli. Assolutamente. Il loro mondo, il mondo dei bambini e dei ragazzi mi piace moltissimo. Sono sempre stata molto affascinata, ad esempio, dall’illustrazione dei libri di favole che mi incantano e portano a sognare. Tra le mie fonti d’ispirazione ci sono anche diversi artisti come: Georgia O’Keeffe, Frida Kahlo, Maria Lai, Kan Yasuda, Brancusi e Nivola. Ma voglio parlare delle donne, di queste straordinarie donne artiste. Georgia O’Keeffe mi ispira per il suo straordinario rapporto con la Natura e per il ruolo da protagonista che le affida nelle sue opere. Mi ritrovo moltissimo nel desiderio della O’ Keeffe di ricercare momenti di solitudine, durante i quali incantarmi di fronte alla bellezza della Natura. Lei era convinta che ciò che la Natura mostrava fosse vera arte, rispetto a tante altre cose che vedeva intorno a se realizzate da artisti. Di Georgia O’Keeffe mi ispira senz’altro anche il modo di trattare i temi: il colore, le luci e le ombre, tutte le sfumature, ma soprattutto trovo interessantissima la composizione per la quale lei si rifaceva ad Arthur Dow. In particolare, il testo di Dow “Composition: A Series of Exercises in Art Structure for the Use of Students and Teachers” del 1912 è per me fonte di studio e riferimento. Infatti, nonostante la sua lontananza nel tempo, trovo sia ancora molto valido e attuale.

Per quanto riguarda Frida Kahlo, mi ispira moltissimo la sincerità nel rappresentare se stessa e nel mostrarsi senza filtri, nonché l’enorme coraggio nel trattare tutti i temi femminili, come la maternità, vissuta nel suo caso in modo tragico. Non si tratta di un uomo che parla delle donne, ma di una donna che parla di se stessa con schiettezza e coraggio. Un’altra grandissima a cui mi riferisco come fonte d’ispirazione è Maria Lai. Mi ha sempre colpita la sua capacità di preservare, anche all’apice della fama, un prezioso candore infantile, una spontaneità nel produrre le sue opere e una capacità di dar vita a dei capolavori con lo stesso spirito curioso e divertito di una bimba che gioca.

Se dovesse identificare un tratto comune a queste tre grandi artiste, che cosa indicherebbe?

Sicuramente il fatto di aver avuto successo ed essersi affermate in un mondo dell’arte connotato al maschile, dove le donne erano pochissime e vessate. Basti pensare alle assurde accuse, mosse a Georgia O’Keeffe riguardo a presunti contenuti sessuali nella rappresentazione dei suoi soggetti floreali. Ebbe delle critiche agghiaccianti. Anche Frida Kahlo e Maria Lai si sono affermate in un mondo di uomini. Non sono interessata all’etichetta di artista “femminista”, mentre mi interessa moltissimo che le donne abbiano il ruolo che si meritano, anche nell’arte.

Che cosa rappresenta per lei fare arte?

La vita! L’arte è una parte irrinunciabile di me, sono io! L’arte è lo strumento attraverso cui posso dialogare con la parte più preziosa di me stessa e comunicare all’esterno un messaggio positivo che possa contribuire a fare di questo mondo un posto dove ci piaccia di più stare. Nel realizzare le mie opere c’è sempre un incipit razionale che risponde all’esigenza di dare importanza alla composizione; sono, infatti, convinta che attraverso la cura della composizione si riesca a comunicare meglio il nostro messaggio. Il nostro cervello riconosce determinati ordini e quando riusciamo a comporre bene un quadro, riusciamo a comunicare un equilibrio e una bellezza riconoscibili. Dopo quest’incipit razionale, mi lascio andare ai miei canali, principalmente al colore e alla Natura, anche nel suo caos, perché la Natura è caos ordinato a servizio della bellezza. Allora mi lascio andare, mi diverto, lavoro tantissimo sul disegno… Il mio obiettivo è quello di arrivare ad un’espressività spontanea e libera da freni e reticenze.

Che cosa c’è di veramente caratterizzante nel suo modo di fare arte?

Il fatto di non aver frequentato il Liceo Artistico alle Superiori, ma aver conseguito la maturità da privatista, avendo già alle spalle quella Classica, mi aveva messo nella condizione di imparare le tecniche pittoriche direttamente dalle artiste che mi avevano fatto da mentori, senza però subire un indottrinamento scolastico. Io credo che questa sia stata la mia più grande fortuna che si riflette in una marcata libertà espressiva. Tale libertà è un qualcosa che io preservo con gioia perché conferisce spontaneità alle mie opere.

Tra scultura e pittura, quale linguaggio sente più efficace per la comunicazione del suo messaggio artistico?

Sono equivalenti. La scultura è il linguaggio con cui ho iniziato e anche l’oggetto dei miei studi accademici. Era stata una scelta istintiva di cui non mi sono mai pentita e, sebbene ora mi senta decisamente più attratta dal disegno e dalla pittura come mezzi espressivi, la scultura continua ad essere presente negli spessori e nella materia che spesso trova posto nei miei dipinti e nelle mie opere grafiche.


MOSTRE

Aprile 2024, “Polvere della Memoria”, Mostra Collettiva Castia Art Montevecchio-Guspini (IT)

Dicembre2023, “Mediterraneo” mostra collettiva, The Net Value/CastiaArt. Cagliari (IT)

Maggio, mostra collettiva “Dentes”, Padova (IT)

Aprile, mostra collettiva “Dentes”, Milano (IT)

Dicembre 2022, mostra collettiva, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT) 

Agosto 2022, “Culla d’Inciviltà”, Installazione e Performance, Area Marina Protetta – Villasimius (IT)

Dicembre 2021, mostra collettiva, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

Luglio 2021, mostra collettiva, Le quai des artistes, Porto Rotondo (IT)

Dicembre 2020, mostra collettiva, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

Luglio 2020, “Culla d’Inciviltà”, Installazione e Performance, Isola di Santa Maria – La Maddalena (IT)

Dicembre 2019, mostra collettiva, The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)

Giugno 2019, “Culla d’Inciviltà”, mostra personale “Pop Up” The Net Value/Castia Art. Cagliari (IT)
Agosto 2018, mostra Collettiva, The Nature Art Gallery, Porto Cervo (IT)

Marzo 2018, mostra Collettiva, ArtRooms Fair, Roma (IT)

Dicembre 2017, mostra collettiva, AB Gallery, Cagliari (IT)

Agosto 2017, mostra collettiva, AB Gallery, Villasimius (IT)

Luglio 2017, mostra personale, Art Backers Gallery, Cagliari (IT)

Gennaio 2017, mostra collettiva, Galleria Merlino, Firenze (IT)

Novembre 2015 – Gennaio 2016, mostra collettiva, Le Dame Art Gallery, London (UK)

Luglio 1998 “Salon de Juliett”, mostra collettiva, La Bacheca Art Gallery, Cagliari (IT)

Giugno 1995 “Arredarte Marino Cao”, Mostra collettiva all’interno di un negozio di design a Cagliari (IT)

Giugno 1994 e Giugno 1995 “Arte in Città””, mostra collettiva in piazza Yenne, Cagliari (IT)

Gennaio 1994 e Dicembre1994 “Arte in Città” mostra collettiva, Cagliari (IT)


PUBBLICAZIONI

2017 Katyuscia Carta, “Paola Falconi”, Art Bakers Editore, Cagliari (IT)

1995 Luciano Caramel – Salvatore Naitza, “Catalogo C. NIVOLA, Premio di Scultura”